Come scrivere le bozze del tuo libro o ebook

TERMINATA L'ESECUZIONE DEL SISTEMA PREPARATORIO – prima bozza


21. Scrivi la prima bozza
Evviva! Si comincia!
Ci sono due modi di scrivere. Il modo lento e il modo veloce. Purtroppo io per ora appartengo al primo. Sono davvero di una lentezza oscena. Scrivo una frase o due e poi mi fermo a rileggere apportando spesso delle correzioni. Non fare come me, ti prego. Scrivi il più rapidamente che puoi e, soprattutto, non rileggere mai quello che hai scritto, a costo di coprire con un foglio di carta A4 lo schermo del PC. Non sto scherzando, molti lo fanno e tutti assicurano sia il metodo vincente. Purtroppo io sono vecchia-scuola e mi risulta difficile non solo usare tutte e dieci le dita, ma anche non fermarmi a rileggere ogni tanto quello che ho scritto. Tra le abitudini che devo assolutamente cambiare, questa è una delle più importanti.
Scrivi velocemente tutto ciò che ti viene in mente. Con questo metodo c'è gente che scrive più di 6.000 parole all'ora. Non scherzo neppure ora. Col metodo del “flusso di coscienza” alcuni ottengono risultati strepitosi. Idealmente i miei ebook vanno dalle 10.000 parole in su. Ciò significa che con quel ritmo potrei terminare la prima bozza in
2 ore.
C'è anche chi ha iniziato a registrare ciò che poi inserirà nei suoi libri. Io non amo molto parlare e non sono neppure particolarmente bravo a farlo, quindi non ho ancora provato questo metodo. Il vantaggio è evidente: pagando qualcuno per trascrivere le tue registrazioni, con 20 – 30€ circa ti ritroveresti tra le mani la prima bozza del tuo ebook da 10.000 - 15.000 parole.
Che tu scriva lentamente o velocemente poco importa: fallo con passione. Segui la struttura che hai preparato seguendo i punti precedenti e dacci dentro.
Non sottovalutare l'importanza di porti degli obbiettivi/scadenze: se non lo fai rischi di non finire mai il libro che hai progettato finora con tanta passione e concentrazione. Scrivi almeno 500 parole al giorno e ti ritroverai entro un mese col tuo ebook breve pronto – la prima bozza intendo! :-) A questo proposito ti consiglio un post del mio blog: http://www.pierluigitamanini.com/blog/scrivere-ebook-500parole-giorno
Un'ultima cosa: la prima bozza è merda, quindi non badare alla qualità, ma solo alla quantità. Scrivi e non pensare agli orrori grammaticali che stai facendo o a come si scrive quel termine in francese... scrivi e basta!
Quando scrivere? Molti – la maggior parte degli autori indie – consigliano di
scrivere al mattino, molto presto, quando la mente è ancora addormentata. Per scrivere di getto non è necessario essere svegli e nel pieno delle proprio funzioni, ma anzi è necessario essere “vuoti”, liberi da pensieri rivolti al lavoro e alle mille altre faccende di cui ci occupiamo ogni giorno. Scrivere un'ora al mattino tra le 5 e le 6 è un'ottima cosa. All'inizio è dura, ma come tutte le abitudini una volta che ci si abitua, lo sforzo diviene sempre minore e la cosa prende una piega naturale. Io mi trovo bene anche a scrivere dopo il lavoro: arrivo a casa, accendo il PC, spengo lo smartphone e il wi-fi e mi lascio andare al flusso della scrittura. Altri autori – mi viene in mente Kafka – amano lavorare di notte.
Devi trovare la tua abitudine, il momento della giornata in cui ti viene più facile scrivere. Se non lo trovi, non c'è problema: cerca di scrivere appena hai una mezzora di tempo libera e non fermarti finché non hai scritto almeno 500 parole. 
22. Pensa a un'idea per il prossimo libro
Prenditi una “pausa”: durante la stesura del libro, dovrai già pensare al prossimo ebook. È inevitabile farlo. Solo così lascerai maturare l'idea almeno tre settimane e finito il libro che stai scrivendo, sarai pronto per il prossimo. Ti ricordi cosa ti avevo accennato all'inizio di questo ebook? Aspetta! Non serve che tu vada a rileggere... ti faccio una sintesi di ciò che dovrai fare adesso.
Per prima cosa: scegli un'idea (tra le tante disponibili).
Apri la cartella Evernote “Idee per libri” e scegli l'idea da sviluppare. Se è da tanto che scrivi ebook avrai la cartella piena di idee allettanti: quale scegliere? Segui l'istinto. Non pensare a cosa va di moda in questo momento. O meglio pensaci, ma non guardare solo quell'aspetto. Pensa invece su cosa hai voglia di lavorare per il prossimo mese. Segui, appunto, la tua passione, il tuo istinto. Una volta scelta un'idea, dimenticati delle altre. Spesso a me capita di pensare: “Forse ho sbagliato... era meglio l'altra, sto sbagliando tutto... forse dovrei lasciar perdere e lavorare su un altro libro...” Non farti prendere da questi pensieri, concentrati invece sull'idea che hai scelto, rendila vincente!
NB: la maggior parte delle idee deve far parte della tua nicchia!
Secondo punto: valuta il potenziale in termini di profitto.
Guarda subito su Amazon (dove altrimenti?) per controllare se l'idea ha qualche chance. Non aspettare neanche un minuto: hai scelto l'idea? Ok, ora va immediatamente valutata. Intendo dire che per creare un business di un certo spessore dobbiamo vendere almeno un tot di libri al giorno. Per capire quanto vende all'incirca un libro digitale su Amazon, si va su “Dettagli” dell'ebook in questione e si controlla il ranking. Vai nella categoria o nelle categorie che ti interessano: se ci sono molti libri a competersi il mercato e hanno tutti un ranking superiore a 3000, forse è il caso di mettere da parte – per ora – quell'idea e svilupparne un'altra. Se invece l'istinto ti dice di continuare... segui il tuo istinto!
Un'ultima cosa: dedica le prossime settimane per il brainstorming (anche a livello inconscio).
Come anticipato, l'idea ha bisogno di maturare nella tua testa. Per questo io non inizio mai un ebook se l'idea è ancora acerba. Piuttosto aspetto qualche giorno e mi dedico a revisionare i miei ebook: non temere, lavoro arretrato ce n'è sempre!
Adesso che abbiamo scelto l'idea del “libro che sarà”, torniamo al nostro ebook.
23. Scrivi la seconda bozza
Questa fase è molto piacevole: ora si passa dalla quantità alla qualità. Da tutta la “porcheria” che abbiamo scritto nella prima bozza, dobbiamo tirar fuori un ebook meraviglioso, innovativo e motivante che i lettori ameranno. Si tratta di una fase piuttosto lunga, a volte più della fase precedente. Una fase in cui si riordina il contenuto, lo si riscrive, lo si perfeziona. Ora non conta più la rapidità ma la precisione, non la creatività ma la concentrazione. Se c'è qualcosa da tagliare e sacrificare, taglia e sacrifica. Sii chiaro nelle tue spiegazioni e i lettori ti ringrazieranno. Se farai una buona riscrittura, faciliterai il compito di un eventuale editor e/o beta-reader e/o amico affidabile.
24. Fai un brainstorming per titolo e sottotitolo
Per fare una copertina sono necessari titolo e sottotitolo. Quindi è giunto il momento di ritirare fuori quei 10 sottotitoli e sceglierne uno adatto. Adesso che il libro è quasi pronto, probabilmente avrai le idee molto più chiare.
Quanto può essere lungo un sottotitolo? Amazon permette un numero massimo di 200 caratteri per titolo + sottotitolo. Io amo molto i titoli brevi e i sottotitoli lunghi. Sono convinto
che i primi debbano semplicemente attirare l'attenzione (meglio se hanno una keyword!), mentre i secondi debbano “prendersi il tempo” di spiegare problemi e soluzioni (e se c'è posto anche benefici!).
Il titolo potrà coincidere anche con l'argomento principale. Ad esempio, tornando alla nostra autorevolezza, ecco come potrebbe diventare l'accoppiata titolo e sottotitolo. Autorevolezza: la guida step by step per diventare autorevole nella tua nicchia online. Se esistono già titoli simili, allora dovrai darti da fare e inventarti qualcosa di nuovo e originale... Autorevolezza vs Autorità Come diventare un esperto della tua nicchia in meno di 3 mesi Come diventare autorevole senza essere autoritario Perché essere un autore autorevole?
E così via...
Ecco alcuni esempi dei miei libri:
Resurrezione: un'avventura into the wild, ovvero un viaggio nella solitudine dei boschi, nella neve scura della mente: una corsa contro il tempo sulle montagne dell'Austria, per un suicidio perfetto. Felice in tre settimane: saggio breve ed essenziale sul pensiero positivo e la crescita personale basato sulla meditazione trascendentale, sulla teoria dei 21 giorni e sulla filosofia del sorriso. Il pesce illuminato: favola per adulti che amano il viaggio e l'Oriente, ma si sentono intrappolati nella vita di tutti i giorni.
Un mucchio di parole: la resurrezione del romanzo postmoderno ovvero tre romanzi in uno, tre storie in una, tre personaggi in uno: un libro contemporaneo nel segno del miglior Hermann Hesse. Bonsai: Romanzo psicologico di formazione ambientato in Giappone ai tempi in cui fioriva l'arte del Bonsai. Lo ZEN e l'ARTE di CAMMINARE SCALZI: Come SCALZARE le CATTIVE ABITUDINI e diventare un vero CAMMINATORE SCALZO, ovvero come MEDITARE CAMMINANDO e CAMMINARE ... per DIVENTARE RICCHI interiormente. Come diventare uno scrittore indie: la guida step by step per creare, promuovere, vendere ebook, fare guerrilla marketing editoriale e vivere una vita ... su Amazon.
Da notare che il sottotitolo è sempre pieno di parole chiave. Prendiamo l'ultimo esempio. Nel titolo c'è la keyword “scrittore indie”, ma allo stesso tempo anche “diventare scrittore”. Nel sottotitolo “creare, promuovere, vendere ebook”, “guerrilla marketing”, “Amazon”, “marketing editoriale”. Cerca anche tu di aver ben presente le 30 keyword che avevi cercato all'inizio e di stiparle (senza danneggiare l'estetica del sottotitolo) nei tuoi due titoli.
Non limitarti a una accoppiata titolo e sottotitolo, ma creane almeno cinque. Credimi, fai questo sforzo in quanto un titolo vincente come “è facile smettere di fumare, se sai come farlo”, può decuplicare le tue vendite e trasformare il tuo obbiettivo di una vendita al giorno in un bestseller internazionale.
25. Scegli titolo e sottotitolo
Adesso non spetta soltanto a te scegliere quale delle cinque accoppiate è la migliore, ma dev'essere qualcuno di esterno a farlo. Come? Manda ai tuoi amici fidati (almeno 10 persone) una mail in cui devono votare (da 1 a 10) i tuoi titoli. Inoltre fai un appello sulla tua pagina Facebook perché votino tra i 3 “titoli+sottotitoli” che avrai scelto in seguito alla risposta dei tuoi amici fidati. Se almeno dieci persone avranno votato i tuoi titoli su Facebook, potrai scartare il titolo con meno voti e ti ritroverai con due accoppiate. Ora sta a te scegliere una delle due.
26. Commissiona un'immagine di copertina a un esperto
Veniamo alla copertina. Regola base: non farla tu, a meno che tu non sia un cover designer con la passione per la scrittura. In tutti gli altri casi, fattela fare.
Devi comunque metterci del tuo nel dialogare col designer o nel decidere che non ti piace e che ne vuoi un’altra. Tu sei un artista. Quanto meno se hai scritto poesie, racconti o romanzi di un certo livello, puoi considerarti tale. Quindi hai una spiccata sensibilità artistica che ti sarà utilissima per aiutare il
designer. Se invece sei uno scrittore di non fiction e non ti senti artista inside, fidati del cover designer!
Bene... come faccio? Se hai soldi vai sul sito 99design e con 300€ fatti fare un bel contest per la tua cover. Se sei un poveraccio come noi italian indie writers, vai sul sito fiverr.com e scrivi pro_ebookcovers. Quasi tutte le mie copertine le ha fatte lei. L’unica abilità che devi avere è nel scegliere delle immagini da proporle sul sito depositphotos.com. Quindi prenditi qualche ora per scegliere l’immagine e poi contattala comprando un gig basic. Sì, ma quanto mi costa tutto ciò? 5,5$
Ricorda, se la cover non ti piace rifattela fare! Magari da un altro designer. Con meno di 5€ non puoi pretendere il top: quindi prova e riprova. A me personalmente sono quasi sempre andate a genio al primo colpo, ma non accontentarti mai in fatto di copertine!
Un ultimo consiglio: hai guadagnato i primi 300€ grazie al tuo ebook? Investine almeno la metà in una cover professionale: credimi, oggigiorno l'immagine è tutto (anche se noi vendiamo parole!).
27. Fai una terza riscrittura
La terza riscrittura per me è una terza “rilettura”, nel senso che ciò di cui ha bisogno il libro è una correzione precisa del
particolare. Ad esempio: parole scritte non correttamente, errori grammaticali, musicalità delle frasi, cancellazione degli avverbi di troppo, sfoltimento aggettivi in esubero... La rilettura quindi dovrà essere molto lenta. Personalmente ho quasi un'ossessione per scovare errori e sviste. Questo purtroppo mi rallenta moltissimo quando leggo un testo. Se invece tu hai il problema contrario, affidati direttamente a un amico lettore o a un editor a pagamento (ne trovi su Fiverr, Elance, Odesk...). Per fare una buona rilettura consiglio di stampare il testo su carta e fare le note con una penna blu o rossa (non nera!), ma se vuoi risparmiare fallo dal tuo Kindle o dal PC.
28. Usa la lettura ad alta voce
Se in vita tua hai letto almeno un libro di scrittura creativa (non serve averne letti una cinquantina come ho fatto io...), saprai che la lettura ad alta voce aiuta nel capire se le frasi sono macchinose e “brutte” anziché armoniose e letterariamente “belle”.
Esistono 4 modi per una lettura ad alta voce:
1 – Rileggi tu il “manoscritto” ad alta voce 2 – Leggi la terza bozza ad alta voce ad un amico fidato e chiedigli di fermarti quando qualcosa non va 3 – Ti fai leggere il testo da un amico fidato e prendi nota di quello che non va 4 – Affidi il tuo manoscritto a un editor professionista, delegandogli la lettura ad alta voce (assicurandoti che lo
faccia!)
Se scrivi narrativa è assolutamente necessario questo passaggio, se invece stai scrivendo un ebook di non-fiction, puoi anche saltarlo, ma sappi che “male non fa”.
29. Invia il libro a un editor
Lo ritengo opzionale per un testo di non fiction, ma lo consiglio caldamente. Una buona revisione strutturale da parte di un editor ti assicura che non hai fatto errori grossolani e che il tuo lavoro è chiaro, scorrevole e scritto nel migliore dei modi. Ha un costo elevato e proporzionale al numero di parole. Probabilmente è la spesa più alta che dovrai sostenere, ma vedila come un investimento. Io in passato non ho mai usato un editor, ma ho trovato dei metodi alternativi che ti vado ad elencare: 1 – infinita riscrittura a distanza di tempo: per i miei romanzi sono arrivato a riscrivere l'intero romanzo più di 50 volte; 2 – partecipazione a concorsi letterari (“Premio Calvino” e “Io lettore” in primis) che davano un riscontro al proprio scritto; 3 – consegna del romanzo a Gruppi di Lettura affidabili (i.e. Il rifugio degli esordienti); 4 – riscontro da beta-reader e amici affidabili; 5 – tanta pazienza e un lavoro certosino.
Se non hai tempo, affidati a un editor. Se non hai soldi, usa uno o tutti i metodi precedenti.
NOTA Come trovare un lettore affidabile? Semplicemente chiedendo ai membri della tua mailing list chi di loro è interessato a leggere in anteprima il tuo nuovo libro e, in cambio, a darti un approfondito parere e/o un'accurata correzione... attenzione però! Assicurati che chi si offre per l'impresa la prenda sul serio (deve rispettare le tue tempistiche, non le sue!) e, soprattutto, sia in grado di svolgere il compito. Se trovi la persona giusta, avrai un amico affidabile che ti farà da editor anche per i prossimi libri!
30. Copia e incolla la tua intestazione
Prepara l'intestazione. Una volta preparata quella del primo libro ti basterà fare “copia e incolla” per tutti i tuoi ebook: a parte il titolo e l'anno, il resto non dovrebbe cambiare. Ricordati di mettere sempre un link al tuo sito o alla tua landing page, in modo da catturare la mail del lettore. Questo è utile soprattutto per avere la mail di chi legge un estratto del libro e poi non lo acquista.
Nell'intestazione in genere compariranno: 1 – un frontespizio 2 – un indice (opzionale) 3 – una classica dichiarazione per proteggere i tuoi diritti d'autore e per scaricare un po' di responsabilità... (in Italia dal 2000 dovrebbe essere superfluo) 4 – link con lo scopo di ottenere la mail del lettore (opzionale)
Approfondimento punto 4: non sei obbligato a mettere il link.
Ragioniamoci un po' su...
PRO: 1 – mandi subito il lettore sul tuo sito (rafforzi il tuo brand) 2 – probabilmente avrai la sua mail (accresci la mailing list con un “lettore Kindle” interessato ai tuoi libri)
CONTRO: 1 – c'è il forte rischio che si accontenti del tuo pdf gratuito e, per ora, non compri il tuo ebook su Amazon
Scegli tu l'opzione che credi soddisfi di più i tuoi progetti: personalmente io non saprei cosa consigliarti. Dalle mie ricerche quasi quotidiane nel mercato inglese e americano, emerge che la maggioranza degli autori di successo non mette il link a inizio libro, ma a metà e a fine libro. Io propendo per metterlo e sto testando i risultati: può darsi che a breve scriverò un post al riguardo sul mio blog.
31. Inserisci le ultime pagine
Le ultime pagine meritano una spiegazione a parte, in quanto sono utilissime per fare un po' di branding (può bastare una breve bio), cercare di vendere un altro libro (in linea con quello appena letto), ottenere una recensione e, cosa più importante di tutte... farsi lasciare la mail del lettore. Come?
O con un link diretto al “box” dove poter inserire la mail del tuo servizio on line per le newsletter (Mailchimp o Aweber), oppure un link al tuo sito, o meglio ancora un link a una squeeze page, in cui regali un altro libro in cambio della mail del lettore.
Ti faccio subito capire cosa intendo per “sito” e cosa intendo per “squeeze page”.
Sito: http://www.pierluigitamanini.com/ Squeeze page: http://www.pierluigitamanini.com/viverediebook/
Se clicci su entrambi i link precedenti capirai esattamente cosa significa “squeeze page” e come crearne una simile che funzioni per te!
Un esempio di “ultime pagine”? Ecco cosa avevo inserito nelle ultime pagine del mio romanzo “Resurrezione”:
Se questo libro ti è piaciuto, ne ho un altro da consigliarti.
Un mucchio di parole. La resurrezione del romanzo postmoderno ovvero tre romanzi in uno, tre storie in una, tre personaggi in uno: un libro contemporaneo nel segno del miglior Hermann Hesse.
Un romanzo metaletterario adatto a chi ama il film "Into the wild", il viaggio senza meta, la ricerca di un senso della vita. 
L’idea alla base del libro è la natura umana focalizzata sul contrasto tra istinto e ragione.
STRUTTURA DEL ROMANZO Questo metaromanzo - elaborato in un anno di brainstorming all'interno di una bottega di narrazione diretta dal grande Giulio Mozzi - narra le vicende di Luigi, Giovanni e Zeno, i quali decidono di scrivere un romanzo che parli delle loro vite, partendo dalla conclusione del periodo universitario, quando le loro strade si sono separate. Sarà quindi l’intreccio tra i diversi modi di affrontare la vita dei tre protagonisti a costituire la struttura del romanzo.
PROTAGONISTA DEL ROMANZO Il vero protagonista del romanzo è Luigi. Luigi, sempre pronto a seguire l’istinto e realizzare i suoi sogni. Dopo un paio d’anni “sperperati lavorando” scommetterà tutti i risparmi, rimanendo al verde. Nello stesso istante la sua famiglia morirà in un incidente stradale e Luigi ne approfitterà per scappare con l’eredità. La sua non sarà una semplice fuga, ma una ricerca del suo vero io e di un posto dove ricominciare. Anche se le cose non andranno come crede.
ECCONE UN BREVE ESTRATTO: Quando rinvenni mi ritrovai nudo, disteso su un pavimento freddo. Avevo un forte mal di testa. Distolsi lo sguardo dal mio corpo: ero in una stanza che non avevo visto prima. Vicino a me c'era un tavolo in legno massiccio: allungai la mano e mi aggrappai scivolando. Al terzo tentativo riuscii ad alzarmi in piedi. Notai che al centro del tavolo c'era una scatola da scarpe rossa. La aprii. Dentro c'era un'altra
scatola rossa, poi un'altra, e così via finché nell'ultima scatolina, grande quanto un'unghia del pollice, trovai un foglio bianco ripiegato più volte. Lo spiegai e iniziai a leggere. Hai sette anni per uscire vivo... Trasalii. Dovetti smettere. Tornò il mal di testa. Feci caso alla sedia che stava di fianco al tavolo. Era anch'essa in legno massiccio. La spostai a fatica e mi sedetti. Poi ripresi a leggere. Hai sette anni per uscire vivo da qui: dipende solo da te: da ciò che scriverai. Finiva così, senza aggiungere altro. Rilessi da capo. Non aveva senso. Era uno scherzo di cattivo gusto. Volevo tornare a casa, alla vita di tutti i giorni. Cercai di stare calmo. Forse era solo un incubo, presto mi sarei svegliato. Quando capii che non c'erano alternative, cominciai a scrivere. Era una vita che cercavo invano di ritagliarmi uno spazio e un tempo per scrivere un romanzo.
RECENSIONI "È un vanto per la nostra redazione avere scoperto Pierluigi Tamanini." W. Amighetti - Critico letterario e romanziere
GIUDIZI DEI LETTORI SU AMAZON “Un viaggio nel profondo Io alla ricerca del senso della vita. Ho terminato di leggerlo in questo momento e a caldo voglio mettere giù le mie impressioni. Fantastico! Un romanzo scritto semplicemente senza troppi tecnicismi noiosi, la narrazione scorre fluida e piacevole, si ha sempre l'impressione di vivere personalmente ogni situazione raccontata. Il romanzo è strutturato su più livelli, ogni personaggio ha una sua storia personale che viene
narrata in prima persona ma tutti insieme legati da un unico filo conduttore: "l'inquietudine dell'eterno cercare" riassume il senso di questo romanzo, la ricerca della formula giusta per vivere la vita, chi fuggendo per vivere in solitudine, chi buttandosi nel lavoro e nella carriera, chi cercando per forza l'amore e la costruzione di una famiglia. Gli altri copotagonisti riescono anch'essi a raccontarci molto di loro con storie personali sempre incernierate sulla vera essenza della vita. Ricco di colpi di scena, lo si vorrà terminare velocemente per scoprire pagina dopo pagina chi racconterà qualcosa di se e ad ogni capitolo il lettore non solo si sentirà vicino ad ognuno di loro ma capirà anche cosa è importante nella vita. Un manuale di sopravvivenza per tutti coloro che hanno cercato di guardarsi dentro molte volte. Finale a sorpresa da non perdere. Consigliatissimo.”
“Bellissimo e appassionante! Soprattutto verso la seconda parte del libro dove i personaggi si aprono maggiormente! Una vera scoperta questo autore!”
DOVE LO PUOI TROVARE Trovi “Un mucchio di parole” cliccando due volte su questo link: http://urly.it/2tmj
Se il romanzo Resurrezione ti è piaciuto, ti invito a scrivere una bella recensione: http://urly.it/2tml (link diretto alla pagine di recensione)
Se vuoi rimanere in contatto con me, vai sul mio sito: www.pierluigitamanini.com e se lasci la tua mail potrai avere
un mio libro gratis!
BREVE BIOGRAFIA: Vivo in un paesino di montagna sopra Trento, dove sono nato il giorno di Natale del 1977, motivo per cui non ho mai ricevuto un vero e proprio regalo di compleanno: per tale triste motivo ho cominciato a scrivere. ^___^ A venticinque anni, fresco di laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, sono scappato all’estero – Paraguay, Spagna e Inghilterra – durante lunghi stage e interscambi culturali: detto tra noi, non sapevo ancora cosa fare della mia vita. Ridetto tra noi, non lo so nemmeno ora. Rientrato in Italia ho lavorato come operaio metalmeccanico, postino, insegnante di materie tecniche, architetto, ingegnere ambientale in diversi settori (raccolte differenziate, indagini fognarie, sicurezza cantieri), archeologo, tecnico informatico, insegnante di sostegno, capotreno, operatore di sala operativa e – aggiungerei – chi più ne ha più ne metta. Come immagino dicano tutti gli scrittori precari ottimisti come me, ritengo la precarietà importante per la raccolta di materiale narrativo per i miei romanzi.
ULTIMA UMILE PREGHIERA Come puoi immaginare, il passaparola e la condivisione (share, please!) sono tutto per un autore emergente: quindi ti supplico, parla del mio libro coi tuoi amici, condividi i link di Amazon sui tuoi blog, profili Facebook e Twitter, clicca like e condividi la pagina: https://www.facebook.com/pierluigitamanini e infine compra un milione di copie della versione cartacea di Amazon e regalale in giro per la strada!
Va bene, direi che ti ho supplicato a sufficienza. ^___^
ECCO DOVE TROVARE TUTTI I MIEI LIBRI: http://urly.it/2tmn
Credo di aver detto (ops, scritto!) proprio tutto.
Grazie di cuore e spero tanto che tu possa leggermi ancora!
   Pierluigi – www.pierluigitamanini.com
Tutto qui. Bastano due pagine per promuovere te stesso e i tuoi altri ebook e rimanere in contatto con il lettore chiedendogli la mail in cambio di un ebook o pdf gratuito. E magari beccarti pure una bella recensione 5 stelle!
32. Rivedi le modifiche dell'editor o del tuo beta-reader.
Se hai sottoposto il manoscritto a un editor o a un lettore affidabile, ascolta il loro parere e valuta attentamente le note che ti hanno lasciato. Imparare è il succo della vita: ammetti i tuoi errori e correggili, solo così migliorerai il tuo stile di scrittura.
33. Invia la versione finale a un esperto di formattazione per
Kindle
Ti dico subito un segreto: se userai Scrivener con un click potrai avere il file per Amazon e per gli altri retailer pronto e perfettamente formattato in pochi secondi.
Se hai dei dubbi ti consiglio di andare su Smashwords.com e scaricare la guida per l'impaginazione di Mark C. “Guida allo Stile Smashwords”: è davvero esauriente e ben scritta.
Se ti affidi a un formattatore professionista, lo trovi sui soliti siti: Fiverr, Elance...
34. Scrivi la descrizione
La descrizione ora come ora può essere di massimo 4000 caratteri. Vi suggerisco di prendere spunto da alcune mie descrizioni (qui).
Eccone una che credo funzioni piuttosto bene:
Una guida sintetica che eviterà di farti perdere tempo prezioso e ti introdurrà in un mondo NUOVO e RIVOLUZIONARIO, dove potrai finalmente liberarti di ogni condizionamento sociale e vivere la tua vita come hai sempre sognato! 
A chi mi dice che camminare scalzi è troppo doloroso... a chi mi dice che camminare scalzi è poco igienico... a chi mi dice che camminare scalzi è pericoloso... 
...sono solito rispondere: “Abebe Bikila ha vinto una maratona correndo scalzo e Tom Perry ha scalato scalzo i 7.000 metri dell'Aconcagua! DI COSA DOVREI AVER PAURA?” 
Camminare è un'arte zen: l'arte della gioia, l'arte di essere felici: un'arte gratuita per nostra fortuna. Ma come tutte le arti necessita di studio e talento. E questo è ancor più vero per l'arte di CAMMINARE SCALZI. 
Se siete degli assidui camminatori scalzi troverete questo nuovo libro una conferma di essere sulla giusta strada per la felicità. Se invece siete dei neofiti desiderosi di camminare scalzi nella natura, ma non avete ancora trovato il coraggio di farlo, perfetto: questo è il libro che fa per VOI! Questo ebook rappresenta l'unica via da seguire per diventare uno scalzer e poter cogliere gli aspetti essenziali di questa meravigliosa “arte animale”, disciplina zen e filosofia di vita. 
Mentre camminiamo dobbiamo trovare lo zen quotidiano che è dentro di noi. I BENEFICI saranno molteplici. Il contatto della pelle nuda con la terra selvatica genera un’interazione energetica tra corpo umano e terreno che ricarica la persona di positività e dona un benessere diffuso nel corpo e nella mente. Camminare nei boschi (scalzi), camminare in montagna (scalzi) o semplicemente camminare per tenersi in forma su terreni accidentati (scalzi), è un’ottima seduta di riflessologia plantare gratuita! Una camminata veloce è molto più utile di una corsa! Ma i benefici sono anche a livello mentale. Provare nuove
sensazioni fisiche provoca rilassamento e svuota la mente. Camminare scalzi, mette in contatto lo scalzer con la sua mente profonda. Concentrandosi sul respiro, mentre cammina lo scalzer ossigena il suo corpo aiutando inoltre la mente a svuotarsi della zavorra di pensieri inutili – il famoso chiacchiericcio della mente superficiale che tende a indebolirci e riempirci di ansia e stress. Camminando scalzi con i semplici consigli presenti in questo libro, automaticamente, si praticherà una meditazione zen che unisce varie tecniche di meditazione guidata quali: meditazione passo dopo passo, meditazione mindfulness, meditazione buddista, meditazione respirazione, meditazione bioenergetica e meditazione dinamica. 
ARGOMENTI AFFRONTATI NEL LIBRO
1. Etimologia 2. Benefici del camminare 3. Benefici del camminare scalzi 4. La filosofia zen 5. La filosofia dello Scalzing 6. Le prerogative dello Scalzer 7. Meditazione camminata 8. Meditazione zen 9. Respirazione meditativa 10. Ascolto 11. Tecniche integrative 12. Precauzioni e consigli per iniziare 13. Libri e autori amati dagli Scalzer 14. Articoli, newsletter, siti, blog sul camminare scalzi 15. Corsa e scalzing
16. Trekking e scalzing 17. Buone motivazioni per passare all'azione 18. In omaggio una settimana di CORSO GRATUITO per la Felicità! 
Dobbiamo diventare ricchi interiormente! Gli individui possono e devono diventare se stessi! Tu, sì, PROPRIO TU con questo ebook diventerai ricco dentro, e sono certo che questo stato di grazia si ripercuoterà su tutto il resto della tua vita fuori! Perchè leggere questo libro? Perchè è l'unico modo per tornare bambini e ricominciare a sognare di camminare scalzi! Se volete stare meglio con voi stessi, rilassarvi, imparare a convivere con la solitudine, staccare dal lavoro, dimenticare ansie e preoccupazioni, curare l'insonnia e il mal di schiena, perdere peso, prevenire pressione alta e diabete, regolare il colesterolo... o semplicemente trovare la giusta MOTIVAZIONE per iniziare a camminare scalzi, allora questo è il libro che fa per voi!
Cosa si nota? Lo so, sembra scritta da un pazzo. Ma funziona. Ci sono tante keyword all’interno e tante parole persuasive. Inoltre è motivante, ti spinge ad agire, a compiere un’azione, ovvero acquistare il libro! :-)
Si potrebbe perfezionare ancora dal punto di vista ipnotico, puntando maggiormente sull’inconscio di chi legge, ma per
ora funziona e la tengo così.
Scrivere una descrizione di 4000 caratteri non è un giochetto da ragazzi. Abbiamo infinite possibilità. Possiamo scegliere il tono colloquiale o meno. Possiamo essere prettamente informativi oppure più scherzosi. E così via. Ma c’è una cosa indispensabile: l’uso delle keyword.
Guardiamo un altro esempio:
"Tamanini, una nuova scoperta!" Lettore con Acquisto verificato da Amazon
In questo rivoluzionario ebook trovate un meraviglioso ed esclusivo corso per la felicità: si tratta di teorie ed esercizi che, se seguiti con passione e attenzione, vi condurranno in sole tre settimane a una gioia infinita. Non sto esagerando, il corso è pensato come un potente cambio di prospettiva che vi permetterà di scovare ciò che si nasconde dietro la vita abitudinaria di tutti i giorni. Ho cercato di essere il più conciso possibile, ben sapendo quanto vale il tempo di ognuno… Per concepire, elaborare e sintetizzare all'osso questo nuovo e sorprendente corso basato sulla meditazione, c'è voluta un'intera esistenza, ovvero all'incirca 35 anni di vita e più di 15 anni di ricerca personale attiva, compresa la lettura - o meglio lo studio approfondito - di centinaia tra saggi filosofici, trattati esistenziali, romanzi psicologici e libri riguardanti mente, corpo e spirito. Soltanto così è stato possibile raccogliere tutto il materiale, condensarlo in un solo saggio ed infine ridurlo a 21 brevi lezioni rivelatrici (si tratta di 5 soli minuti di lettura al giorno) chiare, semplici e funzionali agli
impegni quotidiani di ognuno. 
Se cercate il benessere fisico, il benessere psicologico e il benessere dell'anima, Felice in Tre Settimane è il libro speciale che fa per voi! 
Ci sarebbe tanto altro da dire da parte mia e tanto altro da chiedere da parte vostra: per questo vi invito a commentare liberamente ogni riga che ho scritto, a esprimere ogni dubbio che vi sentite dentro, e a contattarmi privatamente se lo ritenete necessario (vi fornirò una mail personale), anche se sono convinto che proprio esprimendo le proprie emozioni e condividendole con tutti si possa prenderne consapevolezza: quindi mi aspetto tante e sincere recensioni su Amazon. 
Il segreto più urgente è l’ascolto, ma per scoprirlo da sé è bene seguire con attenzione le 21 lezioni di successo. 
Alla base c'è un nuovo tipo di meditazione esclusivo, ideato e migliorato dall'autore, basato sulla meditazione trascendentale e su varie tecniche di meditazione, tra cui la meditazione camminata (o camminata meditativa) e la "meditazione respirazione". 
- - - 
INDICE LEZIONI OLISTICHE
Ecco i 21 consigli (se ne iniziate a metterne in pratica uno al giorno ci vogliono solo 3 settimane!) per essere felice che saranno affrontati e spiegati teoricamente e praticamente
all'interno del libro: 
Prima settimana: - rallentare - ascoltarsi - tenersi occupati, oppure oziare consapevolmente - passare più tempo socializzando, oppure imparare a stare da soli - essere produttivi, oppure consapevolmente improduttivi - organizzarsi meglio - smettere di preoccuparsi
Seconda settimana: - smettere di lamentarsi - ridimensionare le aspettative, oppure puntare in alto, ma a piccoli passi - pensare positivo - vivere al presente - lavorare su se stessi: corpo, anima e mente - sviluppare una personalità socievole (o comunque disponibile e gentile) - sorridere
Terza settimana: - essere se stessi, senza maschere (v. scalzing) - eliminare sentimenti negativi - risolvere i problemi subito, senza mai procrastinare - coltivare i rapporti intimi, senza darli per scontati - considerare la felicità come un diritto e un dovere - esprimere i propri pensieri/idee/opinioni - essere creativi
Vi starete chiedendo come sia possibile diventare felici o raggiungere l’illuminazione o riempirsi di gioia infinita in così breve tempo… be’, non solo è possibile, ma molto probabile – sempre che si segua alla lettera ogni parola. 
Ciò che conta veramente è il puro desiderio di voler diventare felici qui e ora: il sentiero del sorriso è in salita eppure, appena iniziamo a percorrerlo a piedi nudi, ci sembra di volare! 
Buona felicità a tutti! 
E infinitamente grazie! 
"È un vanto per la nostra redazione avere scoperto Pierluigi Tamanini." W. Amighetti - Critico letterario
Cosa si nota subito dalla prima riga? L’autore è stato letto. Ho piazzato all’inizio la recensione di un lettore. Questo crea fiducia. Dà garanzie al potenziale acquirente. Inoltre non dimenticare di usare gli elenchi per ebook di nonfiction: attirano l’attenzione! Io non l’ho fatto, ma se alla fine aggiungete un P.S., sarà la prima cosa che leggeranno!
Poi: “In questo rivoluzionario ebook trovate un meraviglioso ed esclusivo corso per la felicità…”
Ok, forse ho esagerato con gli aggettivi, ma “rivoluzionario”, “meraviglioso” e “esclusivo” sono parole ipnotiche, che attirano l’attenzione del lettore. Inoltre “felicità” crea ottimismo, speranza, gioia, entusiasmo. Il lettore si ritrova immerso in una sensazione di entusiasmo in cui sta per comprare un libro che finalmente (altra parola ipnotica), grazie ad un metodo nuovo, esclusivo, addirittura rivoluzionario, lo porterà alla felicità. Io ho scritto il libro e so che è un valido aiuto per chi lo legge, perché ti fa cambiare punto di vista su come vedi la vita, il tuo corpo e la tua mente. Quindi il mio scopo non è gonfiare le qualità del mio ebook, ma semplicemente portarlo ai primi posti della sua categoria bestseller e convincere il lettore a leggerlo.
Non devi vergognarti di “vendere” i tuoi libri. Li hai scritti col sudore, spaccandoti la schiena e rovinandoti la vista (vabbe', dai, ho un po' esagerato...): non puoi lasciarli in un cassetto a marcire oppure caricarli su Amazon, ma farli scivolare in fondo alle classifiche dimenticati da tutti. Devono essere letti.
Un metodo semplice per scrivere una descrizione efficace è dividerla in tre sezioni: 1 – Identificare e spiegare il problema che affronta il tuo libro (senza troppa negatività) 2 – Accennare alla soluzione che offri nel libro 3 – Elencare i benefici che otterrà chi legge il tuo ebook
Altra regola vincente: lasciare che il lettore si immedesimi nella “storia” che stai raccontando: se “si vede addosso” i benefici che descrivi, con tutta probabilità comprerà il libro.


35. Carica (finalmente) il libro su Amazon